Cosa è la postura?

Molti interpretano la postura come la posizione del corpo, ma in realtà rappresenta la relazione tra le varie parti anatomiche del corpo ed è divisa in statica e dinamica.

Policlinico PEHAREC

Orario di lavoro policlinico
LUN – VEN: 08:00 – 20:00

Orario di lavoro dell’ ufficio
LUN, MER, VEN: 08:00 – 16:00
MAR, GIO: 12:00 – 20:00

Oggi la postura è un termine conosciuto

Oggi la postura è un termine conosciuto. In particolare, se chiedete a un gruppo di persone che cosa è una postura scarsa, puoi aspettarti che molti si curvano, e se chiedi quale sia una buona postura, molti sicuramente si alzeranno e prenderanno la posizione dei soldati.

Oggi, la postura scarsa è un problema comune oggi tra tutte le fasce d’età e una delle principali cause della postura scarsa è il modo di vivere moderno, più precisamente, lo stile di vita sedentario. È un modo di vivere che comporta molto tempo trascorso seduto e un po ‘di tempo dedicato alle attività fisice.

Inoltre, una sproporzione in lunghezza degli arti inferiori, deformità strutturali della colonna vertebrale come scoliosi o cifosi, varie condizioni dolorose e altri fattori possono anche causare una cattiva postura.

Esaminazione della postura

L’esame della postura consiste in una parte soggettiva e oggettiva. Le informazioni sul paziente vengono raccolte nella parte soggettiva, quindi è importante che il paziente abbia risultati precedenti (esempio: risultato e CD della risonanza magnetica, risultati ortopedici o simili).

La parte soggettiva è seguita da una parte obiettiva dell’esame, che consiste in una valutazione dello stato funzionale del paziente. L’ictus del paziente e la postura statica e dinamica del paziente vengono monitorati. La gamma di movimento delle articolazioni viene valutata utilizzando un goniometro e la forza muscolare mediante un test muscolare manuale e un dinamometro.

Una volta rilevata la causa principale del disturbo, vengono eseguiti test specifici.

Esaminazione del piede

Anche l’esame del piede consiste in una parte soggettiva e oggettiva. La parte oggettiva dell’esame del piede consiste nell’osservazione della postura statica e dinamica e nell’osservazione dell’andatura del paziente.

Dopo l’osservazione dell’andatura, la pressione del piede viene monitorata sul substrato sul sottoscope e sul pannello di misurazione della pressione. Il sottoscope ha un pannello di vetro sotto il quale è uno specchio che fornisce una vista da sotto il piede e una valutazione del contatto del piede con la base. Usando un manometro, si può misurare se c’è una deviazione della pressione sul substrato a causa di cambiamenti patologici o dolore. È anche possibile determinare l’area di maggiore pressione del piede sulla base, quindi se c’è una differenza di pressione, distribuzione della forza e durata del contatto tra il piede destro e quello sinistro.

Oltre a misurare le pressioni, questo metodo può misurare accuratamente la durata del contatto e la durata delle singole fasi del contatto.

Fissa un appuntamento o manda una richiesta